Itinerario dei musei a New York

Una delle parti più bella della mia visita a New York sono stati proprio i musei. Sono tanti e alcuni veramente molto grandi ma con un po di organizzazione e “gamba svelta” se ne possono godere almeno i più importanti. Oggi voglio parlarvi del mio itinerario dei musei a New york. Vi parlerò della mia esperienza, devo ammettere particolarmente riuscita.

Quali musei vedere a New York

L’organizzazione sicuramente è la cosa più importante programmando magari di visitare i musei durante le giornate piovose se ce ne sono in modo da ottimizzare la vacanza al meglio. In questo articolo citerò solo i musei che io ho visitato dando alcuni consigli pratici su come  è meglio organizzarsi senza avere sorprese che non vi permetteranno poi di godervi a pieno le visite.

Credo che la visita di un museo sia poi una cosa anche molto personale. Il tempo che si spende nei musei è legato a quanto interesse ci sia per quello che si va a vedere.

Io vi dirò indicativamente il tempo che io ho speso nei musei valutando che posso definirmi come un visitatore di musei nella media. A volte spendo 10 minuti osservando un quadro ma se c’è qualcosa che non coglie la mia attenzione sono anche il tipo che va veloce e passa oltre.

Quanto costano i musei  a New York?

Il prezzo dei musei a New York secondo me sono proporzionati a quello che poi si andrà a vedere ma ipotizzando di farne molti ovviamente il prezzo potrebbe salire di molto. La soluzione migliore è sempre acquistare il New York City Pass, in ogni caso andrete a risparmiare molto, perchè gli sconti sono davvero molto interessanti. Sarete poi voi a decidere come comporre il vostro pacchetto, ai vostri interessi e al budget che avete a disposizione.

Di seguito la lista dei musei che io ho visitato:

Empire State Building Observation Deck

La visita dell’Empire State Building è a metà tra un museo e un attrazione. La vista che potrete godere dal centoduesimo piano di questa maestoso edificio è mozzafiato trovandovi al centro di Manhattan.

Inoltre il Pass include la visita di giorno e di notte. Rimane anche molto interessante capire la storia che sta intorna a questa opera essendo stato una dei primi grattacieli costruiti a New York.Ha vantato il titolo di grattacielo più alto del mondo fra il 1931 e il 1967, ho trovato molto interessante capire come è stato costruito con i mezzi dell’epoca.

Sicuramente una tappa che in questa meravigliosa città non può mancare. Uno di quegli edifici che racconta la storia e lo spirito di questa città.

9/11 Tribute Museum

Impressionante vedere e toccare con mano quanto sia stata grande questa tragedia. Il museo è costruito sotto quelle che erano le fondamenta delle due torri gemelle colpite dall’attentato dell’undici settembre nel 2001 che ha scosso il mondo intero.

Il museo è composto da varie parti ma il focus è sulla memoria. Al di fuori delle critiche e tralasciando gli aspetti ancora oggi sono poco chiari, l’obiettivo del museo è molto chiaro. Si vuole riportare alla mente di tutte le persone, quanto sia stata tragico quell’episodio per insegnare all’umanità che si deve intraprendere un percorso di pace nel nostro pianeta per evitare che tragedie simili accadono di nuovo in futuro.

Avrete modo di vedere alcuni oggetti che poi sono diventati simbolo della tragedia come le enormi fondamenta in ferro piegate dal calore degli incendi, i mezzi dei vigili del fuoco o della polizia distrutti dai crolli delle torri, le voci che sono state registrati delle persone rimaste bloccate sulle torri o sugli aerei che poi sono stati dirottati.

Insomma un’esperienza che difficilmente si dimentica, ma credo sia molto importante da vedere, affinché anche la nostra coscienza sia spostata verso l’impegno a costruire un mondo un po migliore di quello di ieri.

MoMA

Il museo è di arte moderna e la mostra permanente è molto interessante per gli amanti del settore. Io non sono un fan scatenato di arte moderna nel senso che a volte mi rimane davvero difficile comprenderla ma ho trovato molto piacevole la visita di questa esposizione.

Sono rimasto particolarmente affascinato dalle opere dei pittori, sicuramente la parte che più mi ha entusiasmato di questo museo.

Ho trovato anche molto interessanti alcune opere moderne.

American Museum of Natural History

Sicuramente il museo per eccellenza per le famiglie e i bambini. Devo ammettere che è stato molto interessante anche per me vederlo ma mi rendo conto che forse avendo avuto qualche anno di meno mi sarei divertito come un matto. Forse l’aspetto divertente e che mi ha comunque coinvolto è stato proprio quello di tornare bambino.

Sono tante le attrazione all’interno del museo che coinvolgono in modo educativo e interessante i bambini. Impressionante come siano riusciti a ricreare in modo molto fedele le varie ambientazioni naturali nel mondo.

Tra le cose più stupefacenti la balena ricostruita a grandezza naturale (è davvero enorme!) e il planetario. Il Planetario è una specie di cinema dove lo schermo è sopra i tuoi occhi e ha una forma sferica. Il tuo sedile è un inclinato e guardando lo spettacolo della nascita della terra avrai delle emozioni incredibili perché questo sistema rende tutto estremamente realistico.

Solomon R. Guggenheim Museum

Devo ammetterlo, questo è stato il museo che più ho preferito a New York. Hanno giocato una serie di cose. Innanzi tutto l’edificio l’ho trovato molto funzionale. Lo trovo anche architettonicamente interessante.

La cosa che più mi affascinato oltre alle opere è la struttura funzionale di questo museo che ti da modo di godere a pieno l’esposizione. La struttura è circolare che sale a spirale lungo un corridoio che ti porta sempre più in alto.

Mentre sali hai la possibilità di affacciarti per vedere le opere che hai appena visto mentre percorrevi l’anello precedente oppure sbirciare le prossime opere e iniziare a godertele da lontano. Ho avuto la sensazione costante di ritrovarmi in un tunnel di opere d’arte di incredibile bellezza e ovunque mi giravo avevo modo di goderne a pieno da diverse prospettive e angolazioni.

Le opere sono di indiscutibile bellezza, artisti come  Giacamo Balla, William Baziotes, Georges Braque, Giorgio de Chirico, Max Ernst, Alberto Giacometti, Vasily Kandinsky, Paul Klee, Kazimir Malevich, Joan MiróPiet Mondrian, Henry Moore, Pablo PicassoJackson Pollock e tanti altri.

The Met Fifth Avenue – Il Metropolitan

Il Metropolitan è un museo gigantesco. Il più grande che abbia mai visto. Sono enormi anche le opere dell’esposizione e molte di essere rispecchiano un po secondo me la mentalità un po megalomane degli americani.

Ci sono cose incredibili tipo il tempio greco. Hanno preso un vero tempio greco sradicato dalle fondamenta e posizionato la. Intere stanze (comprese di camini e pareti originali) presi dalla reggia di Versaille e portati la.

Insomma sicuramente uno spettacolo da non perdere. L’esposizione permanente è suddivisa a seconda dei periodi storici e delle culture suddivise geograficamente. Vi do un consiglio, se decidete di fare il Metropolitan in un solo giorno (si è molto grande) dovete selezionare alcune aree e magari decidere di non spendere troppo tempo. Prendete la mappa disponibile all’ingresso gratuitamente e pianificate un percorso. Valutate cosa vi può interessare di più.

Diciamo che in generale il museo ha in tutte le aree qualcosa che ti stupisce perchè è molto ben organizzato. Le aree che più a me hanno colpito sono state la parte dell’antica Roma e Grecia, Egitto e Medioevo

Lascia un commento